I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Entrare in un supermercato vuol dire accedere a un mondo fatto di scaffali e di prodotti, di reparti e di percorsi. Esso rap-presenta lo spazio fisico all’interno del quale si concretizza l’incontro tra merce e consumatore. E’ per questo motivo che tra i capisaldi della strategia Conad spiccano l’innovazione della rete vendita (sia in termini di nuove aperture che di ristrutturazioni) e il miglioramento continuo della professionalità del personale, cui il Consorzio dedica anche appositi eventi formativi.

Il carrello della spesa, che oggi diamo per scontato, non è sempre esistito. C’è stato un periodo in cui erano gli stessi commessi ad aiuta-re i clienti a trasportare la merce. Tra un istante vi diremo quando, dove e da chi è stato inventato.
Nonostante i recenti sviluppi dell’e-commerce, la maggior parte degli acquisti di prodotti alimentari continua ad avvenire all’interno dei supermercati. Secondo uno studio di un importante istituto di ricerca americano, condotto in diciannove paesi del mondo, il negozio mantiene la sua prerogativa di ambiente ideale per un incontro tra consumatore e prodotto che sia immediato, tangibile, autentico. In particolare in Italia, dove ben il 65% degli intervistati ha dichiarato di preferirlo a qualsiasi altra forma d’acquisto, in quanto maggiormente capace di coinvolgerlo sul piano emozionale, esperienziale e sensoriale.
La shopping experience (l’esperienza d’acquisto), dunque, costituisce il punto forte della distribuzione tradizionale perché capace di in-terpretare meglio le abitudini e le esigenze del pubblico.
Da questo punto di vista va detto che anche in questo caso la parola chiave è “oltre”. E cioè oltre gli aspetti tecnici per privilegiare quelli umani e relazionali.
La Cooperativa Conad Adriatico, ad esempio, per formare i negozianti in quella che viene definita l’arte del servizio, investe circa un milione di euro l’anno. Ciò nella consapevolezza che il miglioramento continuo della professionalità del personale rappresenta una garanzia per il cliente.

Titolo: IL VALORE DELL’ACCOGLIENZA
Autore: GIUSEPPE CORRADINI
© RIPRODUZIONE RISERVATA