I cambiamenti climatici incideranno sempre di più sulle nostre vite e quelle delle generazioni future. Per questo sono necessarie politiche mirate a una nuova consapevolezza dei rischi ma anche delle possibili soluzioni. A partire dai contesti locali.

Esiste un luogo, in Olanda, dove l’energia elettrica può essere prodotta semplicemente ballando. Come? Ve lo diremo fra un istante.

Il clima cambia. Le trasformazioni più importanti riguardano le temperature medie ed estreme, entrambe in aumento sulla maggior parte delle aree geografiche del pianeta.

Le cause di questa situazione sono abbastanza note: il riscaldamento globale dipende da un’elevata concentrazione di gas serra nell’atmosfera determinata dall’eccessivo utilizzo dei combustibili fossili.

E’ facile prevedere che i mutamenti climatici condizioneranno la vita delle popolazioni di tutto il mondo, dal momento che hanno già dato origine a significativi cambiamenti anche riguardo la domanda e l’utilizzo di energia rispetto al passato: la crescita della richiesta di energia per il raffreddamento, ad esempio, comporta una maggiore produzione di elettricità.

Ora: più la domanda di una determinata energia aumenta, più cresce il consumo di quella stessa energia. Più cresce il consumo di quella energia, più ne diminuisce la disponibilità.

Per uscire da questo circolo vizioso anche le soluzioni indicate dalla comunità scientifica sono risapute, e tutte riconducibili alla necessità di incentivare l’utilizzo delle fonti rinnovabili e ridurre quello dei combustibili fossili.

Per fare questo occorre adottare politiche energetiche basate sulla pianificazione di interventi mirati, a cominciare dagli enti locali. A tale scopo, particolarmente interessante è un progetto europeo di cui ente capofila è l’Università di Camerino e sulla cui natura e finalità abbiamo sentito la professoressa Rosalba D’Onofrio, docente della Scuola di Architettura e Design dell’ateneo camerte.

Per mezzo di un tecno-pavimento in grado di trasformare l’energia cinetica in energia elettrica, una discoteca di Rotterdam si autoricarica sfruttando gli impulsi generati dai movimenti delle persone che ballano.

Titolo: E’ TEMPO DI CAMBIARE
Autore: GIUSEPPE CORRADINI
© RIPRODUZIONE RISERVATA