I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Sostenibili, riciclabili, rinnovabili. Gli imballaggi del futuro saranno sempre più pensati in un’ottica di attenzione all’ambiente.

Per ottenere la carta si produce un notevole spreco di acqua. Vero o falso? Guarda il video per scoprirlo.

Oggi pensare di fare impresa trascurando le problematiche ambientali è semplicemente improponibile. Ancor più se l’azienda vive e prospera grazie a una risorsa naturale come l’acqua.

E infatti pensiamoci bene: un’azienda che imbottiglia e distribuisce acqua minerale propone al consumatore una porzione di ambiente. E quindi per l’azienda difendere l’ambiente vuole anche dire difendere il suo prodotto e le sue caratteristiche migliori.

Per quanto riguarda l’acqua però, e ovviamente non solo l’acqua, il tema della sostenibilità ambientale si lega sempre di più con quello dei materiali utilizzati per la sua conservazione e trasporto.

Sul banco degli imputati ci sono soprattutto le bottiglie di plastica che, se non vengono correttamente riciclate, finiscono nelle discariche, negli inceneritori o addirittura nel mare, inquinandolo al punto che secondo gli esperti nel giro di trent’anni negli oceani ci sarà più plastica che pesci.

All’argomento vengono dedicate molteplici iniziative, alcune delle quali particolarmente importanti come quella promossa di recente dal quotidiano La Repubblica e H-Farm, in collaborazione con il Conai (il Consorzio nazionale imballaggi) e l’Istituto Italiano Imballaggio.  Il forum, dal titolo Imballaggio del futuro e sostenibilità ambientale, ha avuto il merito di evidenziare alcuni aspetti. Primo fra tutti quello relativo alla necessità da parte delle aziende di adoperarsi per soddisfare al meglio le aspettative dei consumatori in tema di impatto ambientale, per esempio adottando sistemi di confezionamento che siano sostenibili, riciclabili e rinnovabili.

In questa direzione va la Carta etica promossa dall’Istituto Italiano Imballaggio e sottoscritta dalle aziende maggiormente sensibili alla scelta responsabile dei materiali impiegati per la realizzazione del packaging, tra cui Acqua Nerea.

Le aziende come Nerea che si riconoscono nella Carta etica del Packaging stanno già investendo nella progettazione e produzione di imballaggi che siano sicuri, di facile utilizzo e soprattutto ecosostenibili. In special modo in presenza di materiali come la plastica.

Titolo: GLI IMBALLAGGI DEL FUTURO
Autore: GIUSEPPE CORRADINI
© RIPRODUZIONE RISERVATA