Vera emergenza sanitaria in paesi come gli Stati Uniti, l’abuso di sostanze oppioidi per la cura dei dolori acuti è un fenomeno in crescita anche in Europa. Trattamenti adeguati per contrastare la dipendenza da questi potenti composti chimici sono allo studio di diverse università del mondo, tra cui quella di Camerino.

Il consumo di cocaina, anche se prolungato, aiuta a migliorare le prestazioni sportive. Vero o falso? Guarda il video per scoprirlo.

Theodor Morèll, medico personale di Adolf Hitler, lamentava di non riuscire più a trovare nel suo paziente una sola vena sana in cui iniettare l’eùkodal, il potente antidolorifico di cui il Fuhrer faceva largo uso. Agli oppioidi attingevano a piene mani anche John Fitzgerald Kennedy e suo nipote David (trovato morto a soli 28 anni proprio a causa di un’overdose di cocaina e Dèmerol). Secondo l’autopsia effettuata sul corpo di Michael Jackson a uccidere il cantante sembra sia stato il Pròpofol, il sedativo che si faceva somministrare in grandi quantità per curare l’insonnia. Anche il suo rivale storico Prince è morto, nell’aprile del 2016, dopo aver assunto per errore, scambiando un farmaco per un altro, diverse pillole di Fentanyl, un oppiaceo sintetico cinquanta volte più potente dell’eroina.

Sono molte, soprattutto nei paesi occidentali, le persone che ricorrono a terapie antidolorifiche a base di oppioidi come la morfina, l’ossicodone e l’idrocodone, sostanze che stimolano quelle parti del cervello preposte alla produzione di sensazioni di euforia e benessere (ecco perché il consumo di questi composti chimici è in forte crescita tra giovani) ma che, oltre a provocare dipendenza con annessi gravi effetti collaterali, possono anche interrompere determinate attività fisiologiche e portare alla morte.

Quella dell’abuso di oppioidi per la terapia del dolore rappresenta una preoccupante emergenza di carattere socio-sanitario, come sottolinea il professor Roberto Ciccocioppo, docente della Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute dell’Università di Camerino.

Titolo: OPPIODI: L’ABUSO CHE UCCIDE
Autore: GIUSEPPE CORRADINI
© RIPRODUZIONE RISERVATA