LA DIAGNOSTICA NELL'ARTE 04 10 2018

Opere di pregiata fattura sono costantemente sottoposte ai rischi provocati dal tempo e da fenomeni naturali devastanti come il terremoto. Un ruolo fondamentale nella salvaguardia del patrimonio culturale è svolto dalla diagnostica artistica.

Quale è stata secondo gli esperti la principale causa del rapido deterioramento (già prima di essere concluso) del Cenacolo di Leonardo da Vinci? Se vuoi saperlo, guarda il video.
Duramente colpito dal terremoto del 2016, il patrimonio storico-culturale del Centro Italia versa in condizioni difficili: opere pittoriche sepolte sotto le macerie, affreschi crollati insieme agli edifici, sculture gravemente danneggiate.
L’evento sismico ha dimostrato ancora una volta che i nostri beni culturali, testimonianze di stagioni straordinariamente fulgide sotto il profilo della vitalità artistica, non sono immuni alle calamità naturali e al trascorrere del tempo. E pertanto necessitano di un’attenzione costante.
In risposta a questa necessità l’Università di Camerino ha istituito un corso di Tecnologia e diagnostica per la conservazione e il restauro, che si propone di formare figure professionali che sappiano valutare (mediante un’apposita indagine diagnostica, appunto) lo stato di conservazione di un’opera, individuarne le eventuali alterazioni dei materiali sia per effetto del degrado naturale che di eventuali fenomeni ambientali (e il terremoto ne è un esempio) e suggerire interventi di recupero mirati e non invasivi.

Titolo: LA DIAGNOSTICA NELL’ARTE
Autore: GIUSEPPE CORRADINI
© RIPRODUZIONE RISERVATA