LA PROSSIMA AUTO 05 07 2018

Il futuro dell’auto tra elettrificazione, autonomia e iper connettività. Avremo veicoli ad alto contenuto tecnologico che ci guideranno piuttosto che lasciarsi guidare.

Enzo Ferrari, creatore del marchio che ha conquistato estimatori in ogni angolo del mondo, diceva che “la migliore Ferrari che sia mai stata costruita è la prossima”. In effetti, quando si parla di un’auto non si può che guardare al futuro. Specialmente in una fase storica come la nostra, sempre più caratterizzata da un nuovo modo di concepire la mobilità. Nelle auto di nuova generazione i combustibili tradizionali faranno registrare una battuta d’arresto, mentre saranno sempre di più i veicoli dotati di motori elettrici, a idrogeno e a metano; la loro sicurezza dipenderà da innovazioni riguardo alla possibilità di rilevare problemi e avere sempre sotto controllo lo stato di usura; al loro interno sarà possibile lavorare o guardare un film mentre si viaggia, programmare gli elettrodomestici direttamente dall’auto prima di rientrare a casa, verificare l’esistenza di eventuali ingorghi o situazioni di rischio lungo il percorso.
Ma a quando risale l’invenzione della prima auto elettrica? Se vuoi saperlo, guarda il video.
E sempre in una prospettiva di evoluzione futura fatta di vetture fortemente automatizzate, Renault ha presentato al Salone di Ginevra di quest’anno il rivoluzionario Easy-Go, un servizio di mobilità condivisa caratterizzato da una grande abitabilità, che oltre alle persone (ben sei) conterrà tutti gli elementi dell’auto del futuro: rispetto per l’ambiente, connettività, intelligenza di bordo.

Titolo: LA PROSSIMA AUTO
Autore: GIUSEPPE CORRADINI
© RIPRODUZIONE RISERVATA