LA RIVOLUZIONE ELETTRICA NELLA MOBILITA' 03 05 2018

Cambiamenti in vista per il mondo dell’auto: sarà più sicura, più ecologica e più multimediale. Alla vigilia di questa grande rivoluzione è giusto ricordare che è merito di una donna se la motorizzazione è divenuta un fenomeno di massa.

Molti automobilisti si chiedono se le auto elettriche siano davvero convenienti rispetto ai veicoli a benzina o diesel, soprattutto per quanto riguarda i costi d’esercizio.
La nostra epoca ci offre l’opportunità di trasformare le nuove tecnologie in preziose alleate nella salvaguardia dell’ambiente. E di cambiare radicalmente le modalità di utilizzo di energia in ogni settore: in particolare quello del trasporto stradale, considerato una delle principali fonti di inquinamento. Il 25 per cento delle emissioni a livello mondiale, infatti, proviene dai trasporti. E per la maggior parte dagli scarichi dei veicoli. Si calcola che nel 2050, quando la popolazione mondiale raggiungerà il ragguardevole traguardo di nove miliardi di persone, le vetture in circolazione saranno il doppio di oggi.
Autorevoli organi d’informazione come L’economist sostengono che l’industria per eccellenza, cioè quella dell’automobile, considerata e associata a ragione ai concetti di tecnologia e di fabbrica moderna, cambierà definitivamente: le auto del futuro saranno più sicure, più ecologiche, più multimediali. Sul fronte della sicurezza le case automobilistiche effettuano numerose verifiche utilizzando le tecniche più svariate.
La produzione di motori elettrici avrà un impatto notevole sulla sostenibilità ambientale e sulla riduzione di consumi di carburanti fossili; e le auto elettriche arriveranno a dominare il mercato a scapito dei motori tradizionali alimentati a benzina e diesel.
Ma chi fu il propiziatore della straordinaria avventura della motorizzazione umana, colui che per primo ebbe l’idea di mettere insieme un motore e un mezzo munito di ruote? Se vuoi saperlo, guarda il video.

Titolo: LA RIVOLUZIONE ELETTRICA NELLA MOBILITA’
Autore: GIUSEPPE CORRADINI
© RIPRODUZIONE RISERVATA