Italiani sempre più attenti ai costi nella scelta dell’automobile che – rispetto a cinquant’anni fa – è più grande, più pesante e dai consumi più moderati.

Se fosse possibile guidare nello spazio quanto tempo ci vorrebbe per arrivare fino alla luna a bordo di un’automobile? Se vuoi saperlo guarda il video.
Da un confronto tra i dati di oggi e quelli del 1968 emerge che l’automobile media scelta dagli italiani è più grande che nel passato, più pesante nonostante l’impiego di leghe leggere e dotata di un tipo di motore in grado di garantire consumi contenuti. Nel ’68 chi voleva risparmiare sceglieva una Fiat 500 berlina che poteva essere acquistata alla ragionevole cifra di 475mila lire, l’equivalente di 4700 euro odierne. A cinquant’anni di distanza, invece, per il modello base di una Dacia Sandero, vale a dire l’auto più economica del momento, ce ne vogliono 7450.
Il potere di acquisto di una determinata automobile da parte delle diverse categorie sociali, dunque, si conferma un valido misuratore della situazione economica di un Paese. E in Italia, per quanto concerne questo settore, la crisi ha inciso sulle abitudini di consumo delle famiglie che a causa di una minore capacità di spesa privilegiano sempre di più il rapporto qualità-prezzo.

Titolo: LA SCELTA DELL’AUTO IN TEMPO DI CRISI
Autore: GIUSEPPE CORRADINI
© RIPRODUZIONE RISERVATA